Archivi tag: E la chiamano estate

Preparativi II

MarylinreadingJoycePoche cose possono superare la visione di Sean Connery in costume che legge un libro, anche perché le immagini di personaggi famosi intenti a leggere sono più rare di un Vombato dal naso peloso. Per fortuna arriva in nostro soccorso Norma Jane, la cui carriera di donna decisamente molto fotografata ci ha donato una serie incredibile di dagherrotipi che la ritraggono intenta alla lettura. E mica robetta: se ingrandite per bene vedrete una sobria edizione in brossura dell’Ulysses di James Joyce (dico il vero). Che donna! Se proprio non riuscite a smettere di fissare il petto villoso di Sean, riguardatevi il post dell’anno scorso. Ora, conoscendo i radicali principi di design minimale che orientano il gusto per le immagini della redazione di Muninn, voi lettori attenti sapete esattamente che cosa sta per succedere: se invece della copertina di un libro trovate un vip in costume che legge, allora è giunto il momento dei

CONIGLI PER LE VACANZE

Come al solito, ci saranno i libri che IO mi porterò in vacanza e che cercherò di leggere. Sono per le MIE vacanze, che saranno nel bel mezzo della Foresta Nera, a Friburgo, dove seguirò un bel corso di tedesco blitzkrieg per tutto il mese di agosto. Rispecchiano quindi i gusti di una persona non troppo a posto, evidentemente.

Pian della Tortilla – John Steinbeck Grazie alla McMusa, che mi consiglia sempre buoni libri americani, mi leggerò questo classico californiano, classico perché vecchio e classico perché ontologicamente classico. Non so cosa sto dicendo, leggete la non-recensione sua di lei che è più brava. Mi aspetto faville e fajitas.

Vai troppo a Heidelberg – Heinrich Böll Il racconto che da il nome alla raccolta narra di un ragazzo di successo, intelligente e brillante i cui sogni vengono distrutti quando gli viene fatto notare il suo unico difetto: va troppo spesso a Heidelberg. Questa tranquilla cittadina immersa nel verde è vicino a Friburgo, andrò a controllare cosa c’è di male.  S.P.Q.T.

Nove racconti – J.D. Salinger C’è stato una specie revival di questo autore, di cui ovviamente non so un bel niente, e in libreria ho letto il primo racconto del suddetto libro: Una giornata ideale per i pescibanana. SPETTACOLARE. Ho grandissime aspettative da questi racconti, spero siano tutti SPETTACOLARI come il primo. TROPPO BELLO. Brividi.

Storia dell’Impero Bizantino – Georg Ostrogorsky Io vi ho avvertito che non sono a posto. E’ un saggio bello lungo su, indovinate cosa? Era pieno zeppo di cartine dettagliate, non potevo non prenderlo. In copertina ci sono i cavalli dell’ippodromo di Costantinopoli, quelli fregati dai veneziani e che adesso stanno in S. Marco. Lo so che non gliene frega niente a nessuno.

Panopticon – Jenni Fagan Gli Special Books ISBN vanno letti per forza, vado avanti da questo, che mi ha convinto di più: c’è della droga, del sesso, della violenza e la Scozia, che fa sempre periferia. Come Trainspotting. Infatti pare che sia piaciuto a Irvine Welsh. (n.d.a Appena finito di scrivere questo articolo sono andato in centro a Milano, dove il temporary shop di ISBN liquidava tutto con sconti del 70 % e ne ho presi quattro, di Special Book.)

Atlante delle isole remote – Judith Schalansky Lei è tedesca vera, di una città bagnata dal Mar Baltico, e questo atlante romanzato è una delle cose più tedesche che io abbia mai visto, precisione cartografica e profondissima tensione immaginativa spirituale. Bellissimo.

E la chiamano estate – Jillian e Mariko Tamaki Questo è il primo vero esperimento di leggere seriamente e poi chissà, recensire, una novella grafica. Il tratto mi piace, è quello pesante e sugoso ma definito che va adesso e che è a metà tra il disegno classico giapponese e l’illustrazione americana. Inutile dire che non so assolutamente di cosa parla. Magari lo getterò fortissimo contro il muro, come Alfieri dopo le prime righe del Cortegiano di Castiglione. Conciossiacosaché.

Non so se li leggerò tutti, se ne leggerò altri o se passerò il mio tempo in maniere più costruttive, come ad esempio capire con numerosi assaggi se è meglio la birra o il vino del Reno. O imparare il tedesco. Magari oggi compro Cosmopolis di DeLillo o un libro del Dr. Seuss e mando tutto a ramengo. Il vero coniglio di Muninn è quello che mi diede tempo fa una blogger che manca a tutti: “In vacanza non si legge! Si vive l’estate!”. Forse qualche recensione avrò il tempo di scriverla, forse più probabilmente leggerete miei commenti stupefatti sulla varietà e qualità dei wurst  di Friburgo e di quanto sia nera la Foresta Nera. Io vi auguro buone vacanze, buonissime letture e un sano divertimento, se avete dei conigli di lettura da mandarmi fate pure, ma non mi arrabbio se non lo fate. Ciao.

04-14-BBC014A-PR-LISTENING-CC_preview

17 commenti

Archiviato in Uncategorized