Un gran bastardo.

Sono seduto in giardino, i gatti neri che si aggirano nel mio giardino dormicchiano a ragionevole distanza, non si avvicinano se non gli do da mangiare. Penso a un modo per iniziare la recensione. Citazione dal libro? Entrata ad effetto? Scoreggia rumorosa? Scelgo il buon vecchio manoscritto ritrovato. O una roba del genere.

Qualche settimana fa ho portato i nonni alla casa in montagna. Momentaneamente senza letture e in realtà nel pieno di una bonaccia tremenda, mi fermo nella piccola ma fornitissima libreria del paese. Nonostante sia a più di mille metri sldm il negozio è ricolmo di libri da spiaggia. Tutte le sfumature possibili, edizioni imbarazzanti di vecchi classici ripudiati dagli stessi autori, tutta la scelta migliore dei libri preferiti da mio nonno (esoterismo, medioevo, storia, viaggi, fiori, fauna, armi….etc.etc.), libri di Vespa e di Veltroni. È in realtà uno dei posti in cui si fanno gli affari migliori. In mezzo a tutta la gente che vuole comprare l’ultimolibrodichicavolohascrittol’ultimolibrodaleggere, nessuno nota le cose belle e la libraia è costretta a far crollare i prezzi. Ho controllato. Un Meridiano della Dickinson ancora incartato con l’80% di sconto. Mentre giravo con le mani in tasca, ho adocchiato Tropico del Cancro (Mondadori, pp. 333, euro 9,50), di Henry Miller. Non avevo la più pallida idea di chi fosse, ma il titolo mi sembrava intrigante e mi sembrava di averlo già sentito. Deve avere qualche cosa a che fare con la geografia. Pagai un onesto Oscar Mondadori la metà del prezzo di copertina e mi buttai senza troppo entusiasmo nella lettura.

Da subito il libro appare per quello che prometteva: il racconto autobiografico di uno scrittore americano a Parigi negli anni ’30. Un baraccone di relitti umani internazionali che campano correggendo bozze o scroccando cene ad amici e conoscenti. Una selva putrescente di prostitute puttane mignotte escort principesse russe francesi pazze truffatrici. La più meravigliosa collezione di malattie veneree che possiate immaginare, ho colmato la mia ignoranza in materia e ora so cos’è lo scolo e a cosa serve un enteroclisma. Non indagate. Vino, vino cattivo, vino buono, vino molto molto cattivo, cene con champagne e caviale dopo mesi passati a pane secco. Puzza, freddo, pidocchi, cimici, presunti artisti che scrivono il romanzo del secolo. Una prosa impeccabile ricolma di parolacce e più che allusioni: ogni due pagine una chiavata, ogni due righe un cazzo e una fica. Di nuovo puttane, tutte le donne sono puttane. Ebrei, sporchissimi ebrei bastardi che fanno gli sporchissimi ebrei bastardi. I negri sono negri, ci mancherebbe, i francesi bastardi e finocchi, gli americani, conciati peggio di tutti.

Tra questi cadaveri si aggira tronfio e soddisfatto Henry Miller, Joe per gli amici, Endri per quelli indiani. Non un mero osservatore, un guardone timoroso, ma un protagonista della ridda, pronto a buttarsi nell’orgia, a rubare soldi agli amici, a scoparsi le loro donne, a farsi mantenere da delle mantenute, a farsi un altro giro di Pernod. Inframezzati da caotiche esercitazioni surrealiste piene di cani che ingoiano la città piena di dita color zafferano, gli episodi della vita del caro Endri ci scorrono sotto gli occhi, da un appartamento malconcio all’altro, da un paio di gambe all’altro, da un insulto all’altro. Pagine piene di Baudelaire, Rimbaud, Verlaine, Dante e Shakespeare nei loro momenti più fetenti, cose macabre e sensuali. E ovviamente Whitman.

Miller è il bambino col bastone che scava il tronco marcio, da cui può uscire solo un brulicante esercito di larve. Episodi senza connessione, se non le vie di Parigi, romanzo senza trama, se non la vita dell’autore. Questa è infatti e in gran parte è anche vera, la vita di Henry Miller scrittore e sbandato a Parigi negli anni ’30. Mentre sua moglie si prostituiva a New York per mantenerlo. Un gran bastardo. Ma un buono scrittore.

Sicuramente meglio di me, il geniale autore della lunghissima e meravigliosa post-fazione (quasi meglio del libro stesso, oserei dire), spiegherà quindi perché questo è un libro da ricordare:

“Niente prediche, solo la verità soggettiva. E in base a questi criteri, evidentemente, è ancora possibile scrivere un buon romanzo. Non necessariamente un romanzo edificante, ma degno di essere letto e suscettibile di essere ricordato poi. […] Anche se la mia sarà un’esagerazione, si ammetterà forse che Miller è uno scrittore fuori dal comune, degno di qualcosa di più di una semplice occhiata; e in fin dei conti, è scrittore completamente negativo, non costruttivo, amorale, un mero Gionata, un passivo accoglitore del male, una specie di Whitman tra i cadaveri.”

– G. Orwell

Annunci

13 commenti

Archiviato in Canone

13 risposte a “Un gran bastardo.

  1. Direi che ti sei fatto una bella paraobola fuori dagli schemi dei “soliti” libri. Ma come sappiamo perfettamente, anche questo aiuta a comprenderli sempre meglio. Ed è giusto così. Se è vero che i libri sono esseri viventi, uomini e donne, mondi a parte, questo signore dal nome Tropico del Cancro dev’essere uno di quei tizi che magari non ti ispirano simpatia ma che non riununceresti ad ascoltare in un fetido bar, davanti a un goccetto.

    • Facendo attenzione a dove metti il portafoglio! Il libro di Miller non ispira ne simpatia ne condivisione…di quasi nulla egli faccia o dica nel libro…nonostante questo non si può dire che non sia un bel libro 🙂

  2. Adoro questo libro, crudo e surreale.

    • E’ proprio uno di quei libri che credo la gente possa amare. Non sarà tra i miei libri preferiti e neppure il surrealismo mi garba troppo, ma la questione è che quando si trova un bravo scrittore, si trova un buon libro.

  3. Non so. Ho letto le prime pagine di questo libro e non mi ha convinta. Non sono un tipo che si scandalizza facilmente ma ho avuto la sensazione che Miller spingesse troppo su alcuni termini tanto per dare scandalo. Capisci cosa intendo? Secondo me, alcuni passaggi avrebbe potuto evitarli. Però, ovviamente, non posso giudicare un libro se non lo leggo fino alla fine quindi conto di riprenderlo al più presto.

    • È la stessa impressione che ho avuto io, che sia tutto un modo per dare scandalo…e magari è un po’ così. Ma Orwell scrive che Miller ha raccontato quelle cose perchè quella era la sua vita in quel momento. Fosse stato un altro in un tempo diverso avrebbe scritto del lavoro, della famiglia, degli ideali e dei buoni sentimenti. In fondo credo sia un libro sincero. 🙂

  4. Come dicevano i nostri vecchi: “I nostri problemi sono bacco, tabacco e Venere…”, poi sai come continua… =P

  5. rob

    Muninn si prepari a picchi di visite a questa recensione, bellissima come sempre. Gli al-google-ritmi del quasi-monopolista motore di ricerca metteranno Muninn in cima ai risultati per ricerche in tema di pratiche sessuali, malattie veneree e – perché no – anche di enteroclisma.

    Una delle libidini più sottili e intense nell’avere un sito – si sa – è il controllo delle chiavi di ricerca attraverso le quali si ricevono visite casuali.

    Nel mio sito una delle memorabili frasi ricercate è la seguente “chiavare una donna inginta”.
    I motivi di orrore sono molteplici, ma ovviamente quello più grande è fuori di dubbio quell’INGINTA scritto con la “G”.

    Rimane poi da spiegare perché un folle che si mette a cercare “chiavare una donna inginta” venga reindirizzato sul mio sito (e da oggi anche al tuo).

    Questo, magari, potrà venir spiegato al prossimo giro e alla prossima corsa.

    CIAO!!!

  6. Non so se è il mio genere, ma sicuramente mi incuriosisce….
    Ti va di passare da me?
    Ti aspetto nel mio ultimo post!
    Baci
    Luna

  7. Pingback: Muninn

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...