Archivi tag: vacanze

Preparativi III.

agataÈ giunto infine agosto, che porta con se obblighi imprescindibili. Questi mi costringono a spolverare Muninn, blog a lungo riposto sopra quell’armadio in cantina insieme alle valigie, a un soprammobile a forma di gondola, un paio di libri finti di plastica con lo scomparto per nascondere i gioielli, una moneta da cinquecento lire, della polvere, Gente del febbraio 1994, due comunità di acari in lotta tra loro da tempo immemorabile, due calzini spaiati, il Piccolo Popolo, una trisa, polvere

coff coff coff

la polvere, tantissima, dovuta a settimane di trascuratezza, accumulata su strati e strati sovrapposti come colate di nubi piroclastiche che formano pinnacoli svettanti e montagne di oppio. Fissando i canyon e gli strapiombi della catena montuosa di microparticelle quasi perdo me stesso, dimentico, nell’oscurità della cantina, delle onde spumose che si rifrangono molli e dense sulla spiaggia a migliaia di chilometri dall’armadio impolverato. Ma eccolo Muninn! Forse ancora respira, lo schiaccio con un dito, esce un suono come quello dei giochi per bambini, un fischio soffocato. Che pena mi fa. Lo pulisco un poco, è tempo di rivedere il sole, là fuori. Là sulla spiaggia le onde sono cresciute e una donna in costume che regge il coperchio di una bara ci fissa. È una spiaggia sudafricana e la donna è Agatha Christie che ci chiama…sorride…le sue labbra scandiscono una breve frase, poche parole…ogni…patate…no…i coni…no…Agatha mi sta dicendo…

CONIGLI PER LE VACANZE!

Che per chi non lo sapesse sono i libri che mi propongo di leggere in agosto, a volte baro, a volte mi dimentico, a volte mento, l’importante è che questo post esista. Cominciamo.

Il vagabondo delle stelle – Jack London

Ho già cominciato a leggerlo, ed è bello. Con la sua voce un po’ da filosofo e un po’ da imbonitore, da predicatore che legge la Bibbia e da romanziere che crede solo in quello che inventa, London prima ci chiude in un buco e poi ci libera, leggeri di volteggiare tra le stelle, vestiti di bianco, tra mille vite e mille sogni, a cavallo di una giumenta selvaggia come il piccolo Nemo.

Lo straniero – Albert Camus

Mi ronza nella testa da quando ho visto un film sulla Guerra d’Algeria, è un libro di un mondo che non esiste più e per quanto è esistito ha avuto le stesse solide basi di una fata morgana, un miraggio nel deserto. L’unica cosa che so è che Camus ha letto Moravia e gli è piaciuto.

N-W – Zadie Smith

Basta uomini. Come se le femmine fossero capaci di scrivere solo romanzi rosa. Faccio questa cosa proprio perché voglio più donne sulla mia libreria senza sciocche quote rosa. Voglio sempre il meglio, solo con le tette. Ho chiesto e mi hanno risposto lei. Lei è giamaicana, ma vive nella Londra multipla di oggi.

Triologia di New York – Paul Auster

In qualche modo devo tenere viva la vena calviniana che si è aperta senza leggere Calvino. Ho sfogliato le pagine di questo libro e i personaggi sfogliano un libro di Paul Auster. Che il trip abbia comincio. Fantasmi e grattacieli di cristallo, da leggere per forza quando al luce del sole è più intensa.

Poirot a Styles Court – Agatha Christie

L’estate è giallo. Lei è gialla. Poirot è belga, non francese.

Il caso – Joseph Conrad

Ha la copertina gommosa. Non so cosa stiano facendo quelli di Adelphi ai loro tipografi ma mi piace. È un po’ che io e Josip non ci vedevamo, io porto da bere, lui porta Marlowe, che ha fama di buon narratore. C’è una barca, è buio. Una storia d’amore. Non ho bisogno d’altro.

Unastoria – Gipi

Cosa c’è dentro le pagine di questo fumetto di cui tutti hanno parlato? Le parole sono tante, sono importanti e sono scelte. Un altro buon motivo per leggerlo e dire qui che lo faccio. L’unico problema sarà che finirà troppo in fretta, come al solito. Il più grande difetto delle graphic novel è che sono sempre troppo brevi.

Muninn e io vi salutiamo, vi diciamo ciao, vi diciamo cra. Scivoliamo lontano dalle vostre bacheche per un altro po’, con il solito carico di promesse per il prossimo anno lavorativo. Buone vacanze, buoni conigli a tutti.

Stay cool, stay cra.

262027495_x.jpg

Annunci

12 commenti

Archiviato in Uncategorized

Preparativi II

MarylinreadingJoycePoche cose possono superare la visione di Sean Connery in costume che legge un libro, anche perché le immagini di personaggi famosi intenti a leggere sono più rare di un Vombato dal naso peloso. Per fortuna arriva in nostro soccorso Norma Jane, la cui carriera di donna decisamente molto fotografata ci ha donato una serie incredibile di dagherrotipi che la ritraggono intenta alla lettura. E mica robetta: se ingrandite per bene vedrete una sobria edizione in brossura dell’Ulysses di James Joyce (dico il vero). Che donna! Se proprio non riuscite a smettere di fissare il petto villoso di Sean, riguardatevi il post dell’anno scorso. Ora, conoscendo i radicali principi di design minimale che orientano il gusto per le immagini della redazione di Muninn, voi lettori attenti sapete esattamente che cosa sta per succedere: se invece della copertina di un libro trovate un vip in costume che legge, allora è giunto il momento dei

CONIGLI PER LE VACANZE

Come al solito, ci saranno i libri che IO mi porterò in vacanza e che cercherò di leggere. Sono per le MIE vacanze, che saranno nel bel mezzo della Foresta Nera, a Friburgo, dove seguirò un bel corso di tedesco blitzkrieg per tutto il mese di agosto. Rispecchiano quindi i gusti di una persona non troppo a posto, evidentemente.

Pian della Tortilla – John Steinbeck Grazie alla McMusa, che mi consiglia sempre buoni libri americani, mi leggerò questo classico californiano, classico perché vecchio e classico perché ontologicamente classico. Non so cosa sto dicendo, leggete la non-recensione sua di lei che è più brava. Mi aspetto faville e fajitas.

Vai troppo a Heidelberg – Heinrich Böll Il racconto che da il nome alla raccolta narra di un ragazzo di successo, intelligente e brillante i cui sogni vengono distrutti quando gli viene fatto notare il suo unico difetto: va troppo spesso a Heidelberg. Questa tranquilla cittadina immersa nel verde è vicino a Friburgo, andrò a controllare cosa c’è di male.  S.P.Q.T.

Nove racconti – J.D. Salinger C’è stato una specie revival di questo autore, di cui ovviamente non so un bel niente, e in libreria ho letto il primo racconto del suddetto libro: Una giornata ideale per i pescibanana. SPETTACOLARE. Ho grandissime aspettative da questi racconti, spero siano tutti SPETTACOLARI come il primo. TROPPO BELLO. Brividi.

Storia dell’Impero Bizantino – Georg Ostrogorsky Io vi ho avvertito che non sono a posto. E’ un saggio bello lungo su, indovinate cosa? Era pieno zeppo di cartine dettagliate, non potevo non prenderlo. In copertina ci sono i cavalli dell’ippodromo di Costantinopoli, quelli fregati dai veneziani e che adesso stanno in S. Marco. Lo so che non gliene frega niente a nessuno.

Panopticon – Jenni Fagan Gli Special Books ISBN vanno letti per forza, vado avanti da questo, che mi ha convinto di più: c’è della droga, del sesso, della violenza e la Scozia, che fa sempre periferia. Come Trainspotting. Infatti pare che sia piaciuto a Irvine Welsh. (n.d.a Appena finito di scrivere questo articolo sono andato in centro a Milano, dove il temporary shop di ISBN liquidava tutto con sconti del 70 % e ne ho presi quattro, di Special Book.)

Atlante delle isole remote – Judith Schalansky Lei è tedesca vera, di una città bagnata dal Mar Baltico, e questo atlante romanzato è una delle cose più tedesche che io abbia mai visto, precisione cartografica e profondissima tensione immaginativa spirituale. Bellissimo.

E la chiamano estate – Jillian e Mariko Tamaki Questo è il primo vero esperimento di leggere seriamente e poi chissà, recensire, una novella grafica. Il tratto mi piace, è quello pesante e sugoso ma definito che va adesso e che è a metà tra il disegno classico giapponese e l’illustrazione americana. Inutile dire che non so assolutamente di cosa parla. Magari lo getterò fortissimo contro il muro, come Alfieri dopo le prime righe del Cortegiano di Castiglione. Conciossiacosaché.

Non so se li leggerò tutti, se ne leggerò altri o se passerò il mio tempo in maniere più costruttive, come ad esempio capire con numerosi assaggi se è meglio la birra o il vino del Reno. O imparare il tedesco. Magari oggi compro Cosmopolis di DeLillo o un libro del Dr. Seuss e mando tutto a ramengo. Il vero coniglio di Muninn è quello che mi diede tempo fa una blogger che manca a tutti: “In vacanza non si legge! Si vive l’estate!”. Forse qualche recensione avrò il tempo di scriverla, forse più probabilmente leggerete miei commenti stupefatti sulla varietà e qualità dei wurst  di Friburgo e di quanto sia nera la Foresta Nera. Io vi auguro buone vacanze, buonissime letture e un sano divertimento, se avete dei conigli di lettura da mandarmi fate pure, ma non mi arrabbio se non lo fate. Ciao.

04-14-BBC014A-PR-LISTENING-CC_preview

17 commenti

Archiviato in Uncategorized

Preparativi.

arts-graphics-2008_1183482aPer le solite e immeritate vacanze estive una sola cosa si è rivelata nel corso degli anni assolutamente fondamentale. Che io sia al mare o in montagna solitamente riesco a cavarmela mettendo in valigia un costume, un paio di scarponi e uno smocking. A volte neppure quello. Una sola cosa serve veramente. Siccome siamo in un blog dove si scrive di libri non sarà lo spazzolino o la Settimana Enigmistica. Ma LA LISTA. Dalle Alpi alle Ande, dal Manzanarre al Reno, tutti vorranno sicuramente sapere che libri dovrò comprare/rubare prima di partire. E allora squillino le trombe, rullino i taburi, ronzino i kazoo.

La nera di Dino Buzzati– (ovviamente) Dino Buzzati
È la raccolta fatta da Mondadori degli articoli di cronaca nera del mio scrittore preferito. Da tenere sul comodino e leggere prima di andare a letto.

Verdi colline d’Africa – Hernest Hemingway
Non so molto di questo libro effettivamente ma mi aspetto delle colline molto verdi e del machismo. È da un po’ che non leggo Hemingway, mi sembra giusto ricominciare.

Io sono un gatto – Natsume Sōseki
Miau miau miau.

Il signore dei lupi – Alexandre Dumas (padre! Per carità!)
Dumas è un genio, mi leggerò con gusto questo breve romanzo sui lupi mannari. Roba eccentrica.

La mia autobiografia – Charlie Chaplin
Sono anni che vorrei leggerla, da quando ho visto il film con R.D.J. È un bel supermattone, ma ci vuole.

Primo comando – Patrick O’Brian
Idem come sopra, per questo l’ho regalato alla morosa. Così poi lo rubo. Grandi speranze per l’accurata ricostruzione storica della vita sui velieri durante le Guerre Napoleoniche. Altro che pirati di sti caraibi.

Adriano VII – Frederik Rolfe
Non c’è nessun Adriano VII. Cercate pure. Libro strano strano strano. Scritto all’inizio del ‘900, adocchiato al Libraccio dei Navigli.

Chissà se riuscirò a leggerli tutti quest’estate. Intanto li prendo. Un po’ di accumulazione compulsiva non fa male. Se mi piaceranno troverete molto probabilmente le recensioni, nel prossimo mese, nei prossimi mesi. Ma ora vi si presenta un’opportunità imperdibile. Ci sono persone che darebbero di tutto per poterlo fare. In passato sono stati offerti un kebab, un posto da titolare al posto di Schelotto e una tuta da sommozzatore. Per cosa? Consigliare i tre libri che mancano per fare cifra tonda. Tema libero. Gentili lettrici e lettori di Muninn | libri da ricordare, fatevi onore.

30 commenti

Archiviato in Condimenti, SuperMattoni